Attività traslochi: come farsi conoscere con Facebook

uomo che solleva scatoloni

Attualmente, un settore che appare in netta espansione è quello dei traslochi. Chiunque nella vita si sarà trovato nella condizione di dover fare un trasloco. Lo stress e l’ansia da trasloco sono sentimenti inequivocabili in queste situazioni perché si ha paura di rivolgersi a persone che non svolgono il proprio lavoro in maniera adeguata. Un lavoro così delicato, infatti, implica che le attività di traslochi sin da subito dimostrino “serietà” e “professionalità” di coloro che effettuano i traslochi.

I valori che i clienti desiderano trovare, sicuramente vertono ad ottenere le giuste garanzie. Come può allora un’attività dedita ai traslochi affermarsi ed emergere sulla concorrenza? Prima di tutto è importante che ci sia già:

  • Un ottimo riscontro da chi si è già rivolto alla società di traslochi;
  • Un buon uso promozionale dell’attività sui social.

Facebook sin da subito appare come il mezzo di comunicazione sociale più istantaneo ed efficace anche per la società di traslochi che vuole farsi conoscere perché su questo social sicuramente troverete persone interessate a chiedere un preventivo e a confrontarsi con gli altri membri di Facebook. Capita spesso di scegliere una ditta di trasporti grazie ai feedback e i commenti presenti su questo social. È fondamentale, dunque, che ci si iscriva a questo social per poter eventualmente essere scelto come ditta di trasporti.

Profilo privato o pagina Facebook per promuovere un’azienda di traslochi?

Creare un profilo sui social network è un gesto significativo di affermazione, di identità. La società di traslochi che accede sui social, in un certo qual modo, tende a voler instaurare un dialogo libero e aperto con i clienti già conosciuti o nuovi. Il messaggio primario che un’azienda di traslochi deve trasmettere su Facebook è appunto quella di “esserci” sul social.
Visto che su questo social network ci sono milioni sono gli utenti connessi e la concorrenza è davvero spietata, basta un niente per esser valicato e dimenticato. Allora come muoversi con Facebook?
Innanzitutto l’azienda di traslochi deve sfruttare le innumerevoli opportunità del mezzo, decidendo di dedicare molto tempo all’uso dei social e in particolare di Facebook. Sembrerebbe scontato ma un lavoro costante e quotidiano è fondamentale per imporsi sulla scena.

La scelta immediatamente successiva consiste nel valutare nel complesso le varie caratteristiche del mezzo e optare per un piano che preveda i vantaggi ma anche i rischi. Sicuramente decidere di creare un profilo personale per uno scopo lavorativo è molto controproducente! Facebook, infatti, sospende il funzionamento di tutti quei profili privati nel caso in cui si compiano azioni di tipo commerciale. La pagina pubblica o fanpage, dunque, è la risposta davvero necessaria per tutte queste operazioni volte alla sponsorizzazione, insomma con finalità relative al commercio.

Come creare una pagina Facebook per un’attività di traslochi

Creare una pagina è molto semplice, i passi da eseguire sono pressoché uguali a quelli compiuti per avere un profilo personale. Ciò che cambia è la finalità, quindi, per creare una pagina, innanzitutto bisogna dedicare tempo alle impostazioni di privacy e informazioni. Scegliere dunque la categoria della pagina, in questo caso scegliere ad esempio azienda di traslochi. Successivamente dovete inserire la località in cui effettuate il trasloco in modo tale da potersi assicurare di esser rintracciabili da tutti gli utenti che fanno parte della zona di riferimento. Come abbiamo già detto, le sezioni della fanpage non differiscono dal classico profilo e quindi si possono pubblicare: stati, video, note, link, immagini e molto altro ancora. Le sezioni sono modificabili in qualsiasi momento e oggi Facebook mette a disposizione anche la possibilità di organizzare la pubblicazione dei contenuti settimanalmente.

È scontato dirlo ma il successo della pagina sta tutto nella ricondivisione da parte degli utenti che allargano la cerchia dei probabili clienti. Sulla fanpage l’attività di traslochi può mostrare in che modo organizza e svolge il proprio lavoro, raccontare con dei video le esperienze dei clienti passati o addirittura la storia che sta dietro l’azienda per farsi conoscere meglio.

I gruppi di Facebook: indispensabili per l’attività di traslochi

Sin dal principio il popolare social network di Zuckerberg ha messo a disposizione di tutti la possibilità di creare o partecipare ai gruppi. I gruppi (che sono generalmente chiusi, aperti o segreti) definibili come delle piccole comunità di utenti che scelgono in piena libertà di parteciparvi per condividere (seppur virtualmente) dei reali interessi, sono l’espressione più importante che si possiede.

Un gruppo Facebook per l’attività di traslochi potrebbe essere un modo efficace di farsi conoscere. Chi ne fa parte potrebbe infatti chiedere informazioni riguardanti le aziende di traslochi. Se vi state chiedendo in che modo funzionano è molto semplice rispondere. Il meccanismo dei gruppi su Facebook è uguale a quello che potremmo trovare se in questo momento parlassimo di un altro social network. C’è una breve gerarchia:

  • Fondatore
  • Amministratore/i
  • Partecipanti

Tutti i membri possono decidere di pubblicare post o le immagini e se ci si iscrive ad un gruppo aperto questi contenuti possono essere visibili anche se ancora non ci si iscrive.

Per creare il gruppo è sufficiente che si clicchi la voce “Crea Gruppo”, metterci un nome, aggiungere i membri e stabilire a che tipologia di gruppo si riferisce. I gruppi sono una risorsa importante per l’azienda di traslochi perché Facebook consente anche di collegare il gruppo “ufficiale” alla fanpage in modo tale che anche gli amministratori possano gestirlo con molta più semplicità.