Come creare un calendario editoriale di successo

calendario con tutti i mesi e i giorni

Avete creato un blog, ma vi siete accorti che non avete abbastanza contenuti o peggio ancora che i vostri contenuti non performano? Probabilmente la soluzione al problema è quella di creare un piano editoriale. Il piano editoriale o anche definito calendario editoriale è lo strumento che permette di organizzare i contenuti con anticipo seguendo una determinata strategia.

Per capire meglio di cosa si tratta partiamo dal significato dei termini:

  • Piano: pianificare, definire
  • Editoriale: attività che permette di diffondere dei contenuti editoriali

Quindi il piano editoriale è un supporto vitale per le aziende, i professionisti o le pmi perché consente di raggiungere un determinato obiettivo grazie alla pianificazione dei contenuti. Lavorare su un calendario editoriale significa pianificare in modo strategico ciò che andrete a pubblicare sul vostro blog o anche sulle pagine social come: Instagram, Facebook, Twitter o LinkedIn.

Indipendentemente che si tratti di un calendario editoriale per i social o per il blog lo scopo è sempre lo stesso: organizzare in modo operativo i contenuti per raggiungere gli obiettivi prefissati. Vediamo nel dettaglio l’importanza di piano editoriale e come realizzarlo.

Perché è importante un calendario editoriale

Il calendario editoriale è uno strumento necessario che definisce in maniera chiara il successo o l’insuccesso della vostra attività. Programmare ciò che fare permette di capire quali azioni bisogna compiere in modo da avere tutto sotto controllo. Inoltre, è utile per scegliere i contenuti con calma e non rischiare di cadere in errore.

Nel predisporre il piano editoriale si mantiene una comunicazione coerente sin dall’inizio e grazie ad esso si è in grado di capire cosa sta andando per il verso giusto e cosa deve essere rivisto. Avere un calendario editoriale consente anche di avere un contenuto disponibile per un determinato giorno e ora, quindi permette di risparmiare tempo in quanto calendarizzando le attività si ottimizzano i tempi.

Infine, il calendario editoriale è molto utile per attribuire ad ogni membro del team i ruoli e le mansioni specifiche. Se sul piano devono lavorare diverse risorse attribuire a ciascuna una specifica attività con tanto di scadenza è molto utile per verificare se quella risorsa ha svolto il proprio lavoro oppure no.

Come stilare un piano editoriale in modo operativo

Per stilare un piano editoriale è necessario suddividerlo per sezioni:

  1. Obiettivi: per una buona riuscita della content strategy è necessario stabilire gli obiettivi. Le domande da porsi sono diverse: Cosa volete ottenere? Quali sono gli obiettivi? In questo caso una buona pratica è stabile obiettivi SMART. Gli obiettivi in questo senso devono essere:
    • Specifico
    • Misurabile
    • Reale
    • Basato sul tempo
  2. Ascolto dei media e del target: A chi vi rivolgete? Avere ben chiaro il destinatario della vostra comunicazione è importante in modo da capire quali sono i canali dove intercettare il vostro pubblico ideale e come rivolgervi ad esso. Questo lavoro è di fondamentale e prioritaria importanza perché si conoscono i gusti dei consumatori e andarli ad intercettare con esattezza consente di trasformare il vostro pubblico in possibili clienti.
  3. Analisi della concorrenza: scoprire cosa fanno i vostri concorrenti permette di capire come muovervi ed evidentemente come differenziarvi dagli altri. Offrite sempre qualcosa di nuovo.
  4. Definizione dei contenuti: per stimolare la conversazione è necessario capire con esattezza la tipologia di contenuti e argomenti che andranno trattati sui social e sul blog.

Come creare un calendario editoriale

Il calendario è un documento digitale o cartaceo che permette di capire quando e cosa pubblicare. In genere, esso viene creato con un file Excel e condiviso con tutti i membri del team.
Per prepararlo diverse sono le voci da inserire:

  • Mese: si riferisce al mese entro il quale il contenuto deve essere realizzato;
  • Data di consegna: si riferisce al giorno in cui l’autore ha consegnato il contenuto;
  • Data di pubblicazione: mese, giorno ed eventualmente ora in cui pubblicare gli articoli;
  • Tipologia di contenuti da pubblicare: in questa sezione deve essere indicato se si tratta di video, immagini o contenuti;
  • Testo da pubblicare: se si tratta di un blog è necessario inserire il titolo e le linee guida dove trattare l’argomento. Se si tratta di un post da pubblicare nei vari social è necessario inserire la descrizione sotto le immagini, i video e il social a cui si riferisce;
  • Categoria: il contenuto di quale categoria fa parte? Ad esempio, se avete un blog che tratta di cinema o di musica e le vostre categorie sono ad esempio cinema, musica o concerti e il vostro articolo parla di un musicista ovviamente la categoria deve essere musica.
  • Autore: riguarda la risorsa che scrive il contenuto;
  • Legenda: in questa colonna è necessario indicare se il contenuto è: completo, incompleto o pubblicato. Magari potreste colorare la cella Excel con vari colori e attribuire un colore verde magari nel caso in cui è stato pubblicato, rosso incompleto e giallo completo. Stabilite voi il modo più consono l’importante è avere in qualsiasi momento tutto a portata di mano.