Come vendere su Amazon

mano che scrive Amazon

L’articolo di oggi sarà molto piacevole da leggere perchè interesserà un sito molto famoso per la vendita e-commerce ovvero amazon.
Quella che vogliamo regalarvi quest’oggi è una guida completa a come vendere su amazon, con tutti i pro e contro del caso.

Amazon è uno dei più importanti negozi online, ma non tutti sanno che può essere usato anche per vendere oggetti.
Infatti se hai bisogno di vendere un libro, un film, un gioco o qualsiasi altro oggetto conforme agli standard di Amazon, puoi aggiungerlo al catalogo del sito e venderlo a costi ragionevoli potendo contare su una visibilità alta.

Vediamo come è semplice creare un account sul sito e vendere su amazon.

Vendere su amazon: vediamo come fare

La primissima cosa da fare è registrarsi sullo store, associare una carta di credito al proprio account, individuare l’oggetto da mettere in vendita (deve essere già presente sul sito) e procedere pubblicando l’inserzione.

Se anche a te piacerebbe vendere su Amazon, prima di tutto devi scegliere se creare:

  • Un account da venditore occasionale: Esso costa 0.99 centesimi al mese, consente la vendita di massimo 40 prodotti e non comporta obblighi di natura fiscale;
  • Un account da venditore continuativo: Esso costa 39 euro al mese, non impone limitazioni sul numero di articoli vendibili e richiede l’apertura di una partita IVA.

Ovviamente per la seconda opzione ci sono costi da sostenere e sono i seguenti:

  • SCIA al comune in cui ha sede l’attività;
  • apertura della partita IVA;
  • iscrizione al Registro Imprese;
  • iscrizione all’INPS gestione commercianti.

Come aprire un negozio su Amazon

Adesso vediamo nel dettaglio, come fare per aprire un negozio su Amazon in poche mosse? Ecco la procedura completa da seguire:

  • Accedi al sito Amazon e clicca su ‘Vendere su Amazon ‘;
  • Clicca su “Registratati Ora”
  • Se disponi di un Account Amazon accedi con la tua Mail e password;
  • Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica all’interno del campo ‘My e-mail address is’, spunta l’opzione ‘Crea il tuo account Amazon” se non ti sei già registrato e clicca su Continue. Inserisci Nome e Cognome, indirizzo e-mail , la password che intendi utilizzare e clicca su Continue;
  • Inserisci il paese di residenza/sede dell’attività e clicca su Continua;
  • compila tutti i campi della pagina dedicata alle ‘Informazioni sull’attività commerciale e relativi recapiti’, considerando che, a seconda della tipologia giuridica di appartenenza dell’impresa, le informazioni richieste sono differenti;
  • conferma l’operazione e comincia subito il tuo business online.

La differenza tra vendere su Amazon rispetto ad un proprio portale personale è che per quest’ultimo devi prima di tutto farlo trovare dagli utenti e, per riuscirci in tempistiche accettabili, sopraggiunge l’esigenza di investire tempo e denaro in servizi piuttosto dispendiosi quali, ad esempio, il posizionamento e/o la pubblicità di Google (AdWords) che, comunque, difficilmente garantiscono una visibilità paritaria a quella offerta, per l’appunto, da colossi del calibro di Amazon.

Entrare in un sistema del genere assicura visibilità ed indiscutibili garanzie ma, vendere su Amazon come su altre piattaforme è molto più facile a dirsi che a farsi, risulta prima di tutto necessario mettere a disposizione degli utenti prodotti interessanti a prezzi competitivi: requisiti essenziali che ti permettono di importi sulla concorrenza, trasformandoti nel principale punto di riferimento del tuo nuovo pubblico.

La struttura dei prezzi su Amazon

Amazon non è fatto per venditori che hanno grandi rigidità nella struttura dei prezzi. Il prezzo di vendita è determinante. Vendere su Amazon costa un diritto fisso mensile ed una commissione sulla vendita. C’è da dire che, a conti fatti, vendere nel proprio e-commerce sembra, ma non è, molto più conveniente. Quelli che tu vedi come costi fissi ben espressi su Amazon, sono costi che spesso non calcoli e non valuti nel tuo e-commerce e, comunque non ci sono vendite senza che sia un investimento in promozione.

Differenze tra Ebay e Amazon

Adesso prima di concludere il nostro articolo vogliamo affrontare un quesito che spesso lascia nel dubbio molti utenti ovvero amazon ed ebay sono simili?la risposta è no ed adesso vi parleremo delle differenze tra loro.

Mentre eBay è un grande centro commerciale in cui compratori e venditori condividono spazi comuni messi a disposizione da eBay, Amazon ha più l’aspetto del department store in cui il venditore terzo ha un proprio corner.
Il merchant, in funzione del prodotto che vende, è quasi un affiliato, una fonte di nuovi clienti.
Il cliente comprerà da Amazon, anche quando prende da un terzo venditore, e la vendita porta un nuovo cliente ad Amazon che lo seguirà per proporgli nuovi acquisti ripetuti, offrendogli la gamma vastissima dei prodotti Amazon e non solo i tuoi prodotti.

Concludiamo dicendo che la gran parte dei commercianti che vende su Amazon è contenta di farlo.
Nei paesi dove Amazon è consolidato, rappresenta circa il 30% delle vendite e per molte aziende è una buona strategia per vendere online.
Ma è necessario riconoscere che tu sei il fornitore del prodotto e può generare un buon flusso di vendite, ma non è per tutti e devi sempre fare i conti sulla profittabilità della tua presenza online.