Cos’è il marketing virale?

scritta viral marketing

Esistono diversi modi per far conoscere la propria azienda e i prodotti che essa vende, ma se si vuole farlo in tempi brevissimi la soluzione migliore è quella di applicare il Viral marketing.

Ma cos’ è? Il viral marketing o marketing virale si riferisce ad un particolare tipo di marketing che ha come obiettivo la diffusione di un messaggio promozionale al fine di far conoscere i propri prodotti e/o servizi.

Utilizzato per la prima volta verso la metà degli anni Novanta il termine indica un modello attraverso cui veicolare un messaggio commerciale. Alcuni studiosi del settore hanno voluto riassumere il significato del termine Viral Marketing con questa frase: “Esso è un messaggio che ti entra in testa e senza rendertene conto, lo diffondi e lo promuovi!”

La diffusione del marketing virale si può paragonare ad un esplosione perché quando si inizia ad utilizzare questa tecnica si deve anche esser pronti ad uno sviluppo esponenziale quasi incontrollabile. In genere, gli utenti in rete volontariamente diffondono un messaggio in maniera gratuita attraverso il cosiddetto passaparola. Se prima la comunicazione avveniva con il passaparola tradizionale, ad oggi grazie all’avvento del digitale è possibile creare un meccanismo virale in breve tempo.

Affinché il messaggio possa diventare virale occorre che si creino dei video dinamici in grado da generare un’emozione spontanea. Il video deve far divertire, piangere, riflettere ma anche arrabbiare un utente. Se in seguito alla diffusione del messaggio si verifica anche uno solo di questi sentimenti allora significa che il video ha suscitato qualcosa.
Vediamo allora come funziona il marketing virale e del perché sia diventato così di successo nelle aziende.

Come funziona il marketing virale

Perché il marketing possa essere definito virale deve scatenare condivisioni. Per utilizzarlo come tecnica per pubblicizzare un marchio o i propri prodotti è necessario promuoverlo sul web organizzando delle vere e proprie campagne mirate. Si parla di campagne mirate perché esse devono essere studiate in ogni minimo dettaglio.

In genere, il messaggio deve essere accattivante, breve e diretto per poter indurre l’utente a condividerlo con la cerchia di amici e non nasconderlo. Un esempio di marketing virale è dato da Hotmail, servizio di posta elettronica via web, che riuscì in breve tempo ad entrare nelle case degli italiani semplicemente invogliando le persone ad iscriversi gratuitamente. Lo slogan recitava testuali parole ”Dillo ad un amico, è gratis”! Se si è in grado di capire come scatenare le condivisioni sui video sicuramente si ha un meccanismo virale.

Una volta studiato come ci si vuole promuovere e capito come scatenare le emozioni, si passa al piano operativo ossia quello di promuoverlo su internet. Il web e i social network possono aiutare a creare il meccanismo virale. La piattaforma social più utilizzata per fare viral marketing è YouTube. Una volta creato il video su questo social network pubblicatele su Facebook, Twitter e su tutti gli altri social.

Leggi il post su che cos’è l’affiliazione e scopri come può aiutare a far crescere il vostro business.

Caratteristiche e vantaggi del marketing virale

Il viral marketing è come un virus che una volta innescato il meccanismo si diffonde a macchia d’olio senza che ce ne accorgiamo.
Esistono diversi vantaggi nell’utilizzare questa strategia di marketing virale:

  • Rapidità di diffusione: se l’utente ritiene che l’idea sia interessante e genera in lui un’emozione questo viene condivisa ad altri contatti e così via;
  • Assenza di costi: una volta rilasciato il contenuto virale non è necessario puntare sulle inserzioni, il più grande vantaggio del viral marketing è quello economico;
  • Genera un aumento del traffico esponenziale: se si lancia una campagna virale e gli utenti la ritengono interessante sicuramente inizieranno a condividere il video. Questo comporta per l’azienda un aumento sia in termini di visibilità che di traffico;
  • Stimola la creatività: creare dei contenuti virali può spingere le persone a cercare nuovi modi per comunicare il messaggio.

Ovviamente ci sono anche i contro legati al marketing virale:

  • Perdita di tempo: se il contenuto non diventa virale potrebbe farvi perdere solo del tempo e demolire i vostri sforzi;
  • La campagna è difficile da tenere sotto controllo: misurare i risultato che la campagna virale crea è difficile se non impossibile;
  • Gli utenti potrebbero non essere interessati ai vostri prodotti: capita spesso che gli utenti decidono di seguirvi semplicemente perché trovano interessante il video virale, ma nel lungo periodo potrebbero smettere di seguirvi.