Il web per promuovere un artigiano

artigiano che prende cuce una camicia

Il web viene usato sempre più dalle persone per ogni tipo di attività: dalle informazioni sul meteo all’acquisto di capi di abbigliamento, fino alla scelta dell’artigiano a cui affidare un lavoro. Per questo essere sul web, per un artigiano, significa incrementare esponenzialmente i propri clienti. Ovviamente, il web marketing ha un costo, ma alcuni strumenti possono essere gestiti con poche spese e senza una necessaria conoscenza tecnica del web. Vediamo allora come usare questi strumenti per promuoversi sul web per un artigiano.

Il sito e il blog di un artigiano per trovare clienti

Il sito web di un artigiano funge da bigliettino da visita virtuale. In queste pagine dovrete raccontare cosa fate, la vostra esperienza e trasmettere le vostre capacità ed estro attraverso testi e immagini. Tuttavia, un bel sito internet che non viene raggiunto da nessuno ha poco senso. Per questo sarà necessario pensarlo in ottica Seo. In pratica, significa decidere delle parole chiave per cui si vuole essere trovati e fare in modo che il nome delle pagine web, i titoli dei testi, così come i tag delle foto contengano queste parole. Se siete un sarto che fa abiti su misura, per esempio, non vi sarà difficile individuare queste keyword.

Il motivo di tutto questo lavoro, è che molte persone cercano sul web cosa vogliono attraverso i motori di ricerca digitando delle parole chiave, come “abiti su misura Roma”. Se metterete su un sito internet in ottica Seo, sarà più facile comparire tra i primi risultati per determinate parole cercate e quindi raggiungete un potenziale cliente proprio mentre cerca i vostri servigi.

All’interno del sito, inoltre, è sempre consigliabile aprire un blog che terrà aggiornato il sito, ma soprattutto intercetterà il traffico affine al vostro sito internet. Il blog in pratica non si rivolge a chi cerca un sarto che fa abiti su misura, per esempio, ma a chi è interessato alla sartoria e alla moda. Nelle pagine del blog potrete illustrare alcuni trucchi del mestiere, come si fanno determinate cose etc. Importante sarà aggiungere più post al blog settimanalmente e rispondere sempre a domande e commenti degli utenti. Non dimenticate di sfruttare la multimedialità del web. Oltre a post testuali, infatti, il vostro blog potrà ospitare foto e soprattutto video. I tutorial, in cui una persona esperta spiega in un video come fare alcune cose, riscuotono un discreto successo. Un sarto che mostra in video come fare la piega a un pantalone, potrebbe ricevere un numero consistente di visualizzazioni promuovendosi così sul web.

I social utili per esercitare l’attività di artigiano al meglio

I social network sono sempre più adoperati e un artigiano che voglia promuoversi non può non considerare l’utilizzo di questi strumenti. È inutile aprire profili su tutti i social se poi non li si aggiorna con almeno due post a settimana. Inoltre, ogni social ha il suo linguaggio, quindi uno stesso messaggio va sempre declinato in modi diversi a seconda di dove viene pubblicato. Anche per i social la multimedialità è essenziale e video, foto, dirette e stories ottengono molte più visualizzazioni di semplici post testuali. Infine, non dimenticate che i vostri followers devono essere in linea con la vostra professione.

Un artigiano che fa abiti su misura ha come amici per lo più i manager e i sales delle aziende che hanno necessità di curare particolarmente la loro immagine e così via. Questo pubblico va poi incentivato all’interazione, spingendoli a fare domande e commenti. Infine, non dimenticate di iscrivervi e partecipare ai gruppi di discussione, vere e proprie piazze virtuali dove confrontarvi con colleghi e incontrare persone interessate alla vostra materia e quindi potenziali clienti.

Google My Business per fare pubblicità ad un artigiano

Uno strumento a costo zero, ma molto utile per un artigiano è Google My Business. Si tratta di un semplice profilo che però vi permette di essere meglio categorizzato da Google (e quindi di comparire più in alto quando cercano determinate parole chiave) e di comparire su Google Maps, così che (per continuare con l’esempio dell’artigiano) chi cerca la una sartoria nella vostra zona sappia della vostra presenza e a quanti metri dista da voi.

Per aprire il vostro account Google My Business non dovrete far altro che compilare una scheda on line inserendo le vostre informazioni e la descrizione di ciò che fate (scrivetela sempre in ottica Seo ovviamente). Google My Business permette ai vostri clienti anche di lasciare un commento al vostro profilo e di darvi un voto. Questi voti sono molto importanti perché l’opinione che hanno gli altri di voi è la prima cosa che un potenziale cliente va a guardare prima di contattarvi. Perciò è essenziale ottenere dei buoni feedback. Nel caso qualcuno vi desse un commento negativo non allarmatevi. Rispondete con garbo, spiegando qual è stato il disguido e come intendete risolverlo. In questo modo, dimostrerete di avere un buon servizio clienti, pronto a rimediare ai problemi che possono capitare in qualsiasi attività.