Come farsi pubblicità sui social promuovendo l’attività di birreria

persone che bevono birra

I social network di solito sono considerati il passatempo preferito degli utenti e fanno parte della vita quotidiana di ognuno di noi. Se volgessimo uno sguardo molto più attento, potremmo capire il vero potere di queste piattaforme, soprattutto da un punto di vista lavorativo.

Scorrendo nella home tra i vari social non possiamo non notare tanti birrifici che hanno e continuano ad avere numerosi consensi tra gli utenti. Questo significa che, se i social sono utilizzati con criterio, possono rispondere alle esigenze di marketing di chiunque desideri far emergere la propria attività lavorativa.

Un birrificio può auspicare al successo con l’aiuto dei più importanti social media, ovvero Facebook, LinkedIn e YouTube. Seppur con funzionalità e scopi diversi, le piattaforme social appena citate, sono frequentate ogni giorno da moltissimi utenti, identificabili come la forza motrice di tale processo di business. Sono gli utenti infatti, con le loro scelte, a decretare se tutte quelle azioni di coinvolgimento del pubblico ottengono i risultati sperati.

La grande audience dei social network è un fattore da prendere in considerazione quando si intende fare del marketing fai da te, poiché in ogni caso si possono correggere le azioni intraprese per soddisfare a pieno le esigenze degli utenti. D’altro canto, un birrificio che vuole promuoversi con i social deve non solo acquisire nuovi clienti ma anche farsi pubblicità nel modo giusto.

Perché affidarsi a Facebook per promuovere una birreria

Il social network idealizzato da Mark Zuckerberg è oggi paragonabile ad una piazza perché assume a tutti gli effetti il luogo d’incontro prediletto dalle persone che, anche se localizzate geograficamente lontane, possono interagire e scambiarsi suggerimenti ed opinioni. Da un’ottica professionale, Facebook dona molta rilevanza alle attività.

Una birreria, ad esempio, può trasmettere grazie all’utilizzo della pagina pubblica, comunemente denominata fanpage, al suo pubblico una nuova immagine di sé. Rispetto al profilo privato, la persona che decide di creare una pagina pubblica avrà più possibilità di farsi conoscere e potrà pubblicare i contenuti ad hoc per il suo business, senza trasgredire alcuna normativa del social. Una volta creata la pagina, va indicato sin da subito il tipo di attività che si svolge, inserendo soprattutto le informazioni di base come il nome della birreria, la località, i contatti e tutte le notizie che devono essere, in qualsiasi momento, di facile reperibilità.

Come dicevamo, su Facebook si possono compiere molte iniziative strategiche volte a rispondere alla primaria esigenza, ovvero accaparrarsi il successo nel proprio settore. In altre parole, con Facebook si possono compiere alcune significative azioni ma bisogna aver deciso già da prima, vale a dire, come, cosa e quando pubblicare.

Grazie alla pagina Facebook di un birrificio è possibile infatti:

  • Instaurare un dialogo con i propri utenti, cercando di puntare alla loro curiosità ed interesse, attraverso i contenuti;
  • Pubblicare contenuti di immagini, video o elementi grafici che non risultino troppo pesanti da consultare;
  • Scegliere di pubblicare i contenuti negli orari che la pagina registra la maggiore affluenza.

Facebook consente inoltre al gestore della pagina della birreria di esaminare i dati analitici per rendersi conto se le tattiche elaborate per coinvolgere i clienti, nonché utenti, siano coerenti con gli obiettivi preposti.

L’utilità di LinkedIn per far conoscere un birrificio

Un altro social utile al birrificio per promuoversi è LinkedIn! Questo social network può esser visto come un una piattaforma online dove ciò che conta è mostrare la propria professionalità. In effetti, la maggior parte degli iscritti sono professionisti che si propongono sul mercato lavorativo o che vogliono migliorare le aspettative delle attività di loro proprietà. Come magari vi sarà capitato già di leggere, su LinkedIn ha molta importanza la creazione del profilo e della relativa pagina aziendale. Infatti, la piattaforma offre molta più visibilità rispetto agli altri social media e addirittura la moltiplica non solo per gli utenti che sono collegati ma anche agli altri che effettuano ricerche sul sistema. Nel profilo e nella pagina devono emergere soprattutto gli interessi, gli obiettivi e i contenuti.

Si può affermare che su LinkedIn principalmente si assecondano due finalità:

  • Instaurare quante più connessioni con gli utenti;
  • Divulgare dei contenuti accattivanti ed interessanti.

I passaggi da seguire per raggiungere il successo professionale con LinkedIn sono più una sorta di semplici direttive che principalmente pongono l’attenzione sui contenuti. Anche la pagina di una birreria con la pubblicazione di articoli, immagini e slide potrà dare enorme visibilità ad una professione. È importante ricordare che i post devono esser pubblicati di continuo, non devono esser troppo lunghi ma principalmente devono interessare gli utenti spingendoli a chiedere il collegamento.

Come utilizzare YouTube per promuovere il vostro birrificio

In molti, ancora oggi, non conoscono il potenziale che si cela dietro YouTube per quanto riguarda il business e il marketing. Questa piattaforma nata agli inizi degli anni 2000 ha modificato la propria natura e ad oggi è un canale utilissimo per la trasmissioni di contenuti video mediali di diverso genere. Infatti, con YouTube è molto più facile attirare l’attenzione degli utenti, e quindi i probabili nuovi clienti che sceglieranno quella birreria per trascorrere le proprie serate grazie ai contenuti video.

Ciò che è necessario capire, per avere una presenza online che raggiunga buoni profitti, è prendere in considerazione le peculiarità del social network, ossia i motivi che lo fanno prevalere e scegliere sugli altri per fare del marketing. In primo luogo, su YouTube è semplicissimo condividere video, non vengono richieste particolari conoscenze ma soltanto le tecniche di base che appartengono a chiunque utilizzi apparecchi tecnologici come ad esempio gli smartphone.

A differenza degli articoli e delle immagini, un video permette di raccontare una storia suscitando emozioni in coloro che la guardano. Inoltre, la pagina del vostro canale YouTube consente di inserire informazioni utili alla vostra azienda e deve essere in grado di invogliare a cliccare sul vostro sito o sulla vostra pagina Facebook.