Come utilizzare Slack per lavorare da remoto

logo di slack

L’intero Paese è in lockdown a seguito della diffusione dell’epidemia da COVID-19. Al fine di evitare l’espandersi del contagio tantissimi italiani sono costretti a rimanere in quarantena nelle proprie abitazioni. Molte aziende in questa particolare situazione hanno scelto di adottare la modalità smart working per continuare ad assicurare ai propri clienti i servizi essenziali. Per tale motivo nell’ultimo periodo, moltissimi lavoratori hanno avuto la necessità di individuare uno strumento pratico e affidabile che consenta di svolgere il lavoro da remoto.

Sempre più spesso ultimamente abbiamo sentito parlare di software che consentano di effettuare videoconferenze di gruppo e di gestire da casa il proprio team lavorativo. Uno dei migliori strumenti da poter sfruttare in questa situazione è sicuramente Slack. Esso è utile per gestire le comunicazioni e rappresenta un alleato indispensabile per chi deve lavorare in smart working.

Se sei curioso di capire il funzionamento di Slack e come esso possa esserti d’aiuto nelle videoconferenze di lavoro continua a leggere il post e lo scoprirai a breve!

Come funziona Slack?

Non è difficile utilizzare Slack, bisogna però capire come all’interno del software viene intesa la comunicazione.

La comunicazione su Slack è suddivisa in spazi di lavoro, infatti, generalmente l’URL e il nome dello spazio di lavoro saranno quelli dell’azienda.

I canali sono suddivisioni delle informazioni per team o per argomento, come le categorie della posta elettronica. Creare i giusti canali è fondamentale per utilizzare al meglio Slack.

Ma come si crea un canale su Slack? Per creare un nuovo canale è necessario essere un Admin o un Full Member.

I passaggi da seguire sono abbastanza semplici, ovvero:

  • Cliccate, sul link Add Channel sotto l’elenco dei canali o il segno + cerchiato accanto alla scritta Channels del menu;
  • Dopo aver cliccato comparirà il menu di creazione del canale in cui basterà inserire il nome e cliccare su Create.

Per creare un canale privato, che non compariranno sulla lista canali e si potrà accedere solo su invito, il procedimento è molto simile. Una volta inserito il nome del canale spuntate l’opzione Make channel private.

Per invitare utenti in un canale dovrete andare sul canale scelto e cliccare su Add people to this channel e cercate i membri del team da aggiungere.

Quanto costa utilizzare Slack?

Slack offre due tipologie principali di offerte commerciali: quella per team, che si segmenta in tre piani tariffari, e quella per aziende, dedicata a grandi realtà che necessitano di una gestione molto più complessa.

Nel dettaglio, i prezzi di Slack si differenziano in:

  • Piano gratis con funzionalità base e senza limite di tempo, dedicato ai piccoli gruppi di lavoro o a low budget. Si possono visualizzare integrare 10 app o servizi, utilizzare la piattaforma attraverso le app native di iOS, Android, Mac, Windows e Linux, ma anche effettuare call vocali e video solo tra due persone e accedere all’autentica in due fattori. Per quanto riguarda lo spazio fruibile, si possono visualizzare gli ultimi 10.000 messaggi globali scambiati dal team e il file storage è di 5 GB per tutto il team;
  • Piano Standard prevede tutte le funzionalità del Free, a cui tolgono i limiti per la visualizzazione dei messaggi scambiati dal team, i limiti per le integrazioni di app e servizi, le call vocali e video possono essere fatte anche in gruppo. Si aggiungono funzionalità come il supporto prioritario, lo screen sharing, la possibilità di creare gruppi di utenti per dipartimenti, la creazione di profili ospiti e la personalizzazione di policy di retention per file e messaggi. Lo storage diventa di 10 GB per singolo utente del team. Il costo è di 6,25 € per utente se si sceglie un pagamento annuale, altrimenti 7,50 € se si sceglie un pagamento mensile;
  • Piano Plus comprende tutte le funzionalità dello Standard e del Free, con un supporto dedicato 24/7, la possibilità di esportare tutti i messaggi e lo storage aumenta a 20 GB per singolo utente. Il prezzo a utente è di 11,75 € per pagamenti annuali, mentre sale a 14,10 € per il pagamento mensile.