Come sopravvivere in un luogo di lavoro ostile

dipendenti che parlano in ufficio

Molte volte il proprio ambiente di lavoro può essere un vero incubo: un luogo da considerarsi ostile e malsano per via dei rapporti difficili con i colleghi e i superiori.

Le tensioni tra persone che lavorano insieme sono un problema serio, che può creare un brutto clima e alla lunga anche danneggiare la produttività dell’azienda per cui si lavora.

Risulta molto difficile non lasciarsi influenzare da ciò che ci circonda. Sentirsi impotenti e convinti che non si possa cambiare la situazione inevitabilmente si manifesta con pensieri negativi. Tra queste sensazione prevarica lo stress e la frustrazione. Tali effetti possono anche estendersi alla propria vita privata.

Un altro aspetto da considerare in un ambiente di lavoro malsano sono problemi molto più seri come: ansia, calo del desiderio e affaticamento.
Ma quindi cosa fare in questi casi? Adesso scopriamo come fare a sopravvivere in un luogo di lavoro ostile.

Quali sono le tipologie di colleghi con cui è difficile lavorare?

Iniziamo col dire che una notizia positiva c’è ed è il fatto che si può sopravvivere ad un ambiente di lavoro ostile, ma occorre individuare i fattori che comportano negatività e trovare le soluzioni giuste per eliminarla.

Il più delle volte il vero problema è il carattere scontroso e lamentoso dei colleghi. Probabilmente questo è il vero problema da risolvere ovvero capire la personalità dei dipendenti.

In genere, i colleghi più difficili da gestire sono quelli:

  • Incazzosi: sono quelli che si arrabbiano per tutto.Sono in pratica tutti quelli che non sanno vivere nella serenità, non sorridono mai, guardano male, sono pronti a spergiurare su di te, sul collega, sulla mamma e in generale sono arrabbiati con il mondo intero. Tali soggetti hanno perennemente la pressione alta e sono costantemente alla ricerca della nuova arrabbiatura perdono tempo.
  • Amanti del conflitto: si tratta di colleghi sempre pronti a litigare anche su cose di poco conto. Essendo amanti del conflitto per loro ogni pretesto è buono per entrare in guerra con qualcuno.

Indipendentemente dalle personalità di ognuno è importante instaurare relazioni con chi lavora con noi in quanto il più delle volte l’insuccesso di un’azienda deriva proprio dalla mancanza di comunicazione con gli altri colleghi.

Consigli per sopravvivere in un luogo di lavoro ostile

Nonostante ci sia un ambiente di lavoro ostile bisogna essere in grado di cercare il giusto compromesso per continuare a lavorare in serenità.

Ecco a nostro parere le regole da seguire per costruire un rapporto positivo con i propri colleghi:

  • Prepararsi a difendersi: In ufficio per mantenere un clima sereno non si dovrebbe assolutamente associare il luogo di lavoro come un campo di battaglia dove scontrarsi per ogni cosa. Non stiamo dicendo che non dovete difendervi anzi è importante far valere le vostre idee sempre. Oltre a non scendere a compromessi è anche controproducente imitare la maleducazione dimostrata eventualmente dai colleghi;
  • Evitare di litigare fino a quando è possibile: Un vecchio saggio diceva che “una cosa è prepararsi ad una guerra, un’altra è cercarsela”. Questo vuol dire che è sempre meglio evitare di litigare, se ci riuscite. Sarebbe opportuno riconoscere quali sono le persone più sgradevoli e difficili da trattare e, se sono in circolazione cercarle di evitarle il più possibile;
  • Cercare di farvi degli amici: Potrebbe sembrare un’impresa difficile farsi degli amici sul lavoro quando tutti i colleghi sembrano persone sgradevoli. La miglior cosa è di farsi degli alleati in una situazione lavorativa difficile in questo modo sicuramente potrete migliorare le cose in futuro.