Facebook per antennisti: come e perché promuoversi

logo Facebook con sfondo marrone

I social network rappresentano senza dubbio la vera rivoluzione nel mondo del marketing. Oggi i social media hanno un forte impatto perché sono di aiuto anche per i lavori indipendenti. Con i social si può fare la giusta promozione di se stessi e della propria professione lavorativa stando attenti ad alcuni passaggi.

Tutti noi di solito utilizziamo i social con lo scopo di rafforzare o creare dei rapporti interpersonali con altre persone ma da un punto di vista professionale diventano strumenti necessari per chiunque vuole farsi pubblicità sui social e in particolare su Facebook. Il motivo è semplice: un social network come Facebook ad esempio tenta di spronare all’affermazione individuale e grazie alle amicizie nelle vicinanze è possibile trovare persone potenzialmente interessate alla vostra professione. Quindi un semplice operaio come un antennista può decidere di mostrarsi sui social per farsi conoscere considerando le grandi opportunità del mezzo.

Con Facebook, per darne un primo accenno, è possibile creare un profilo personale (diario) o una pagina pubblica (pagina fan) ma di grande interesse ci sono gli oramai famosissimi gruppi di discussione. I gruppi di Facebook sono un’importante opportunità perché fanno emergere alcuni fattori e sono il luogo più adatto per quelli che vengono definiti UGC, ossia i contenuti generati dagli utenti.

Vediamo nel dettaglio come un antennista può promuoversi su Facebook e quali sono gli strumenti da utilizzare per farsi pubblicità.

Le potenzialità di Facebook per antennisti

Facebook è sicuramente il social network che per facilità di uso risulta essere quello più familiare. Da sempre questo social ci permette di creare relazioni con molte persone anche distanti da noi. Facebook sin dalla sua creazione aveva come scopo quello di facilitare le comunicazioni all’interno dell’ambiente universitario ma poi sono emerse le grandi potenzialità del mezzo che infatti hanno permesso di estendere gli obiettivi.

Oggi, le cose sono cambiate e grazie a Facebook ci si può anche posizionare nel mondo del lavoro e dello business. In che modo? Per prima cosa vanno sottolineate alcune differenze. Su Facebook si possono creare:

  • Un profilo personale (diario);
  • Una pagina pubblica (fan).

Entrambe le scelte mettono a disposizione dell’utente più o meno le stesse funzionalità ma, non va dimenticato che sul profilo personale non si possono effettuare azioni con finalità commerciali. Facebook infatti è molto rigido contro i trasgressori e chiude questi profili perché tutte le attività per così dire pubblicitarie devono esser messe sulla pagina pubblica. La pagina fan offre la possibilità di diventare un vero e proprio antennista di riferimento, soprattutto quando si ha un largo seguito di utenti iscritti. Creare una pagina è semplicissimo, ma aver aperto il profilo privato non è possibile. I contenuti che si possono pubblicare nella pagina sono vari: foto, video, post e molto altro.

L’antennista può far conoscere in cosa consiste il suo lavoro pubblicando giorno per giorno i vari lavori di manutenzione. Per far conoscere il proprio lavoro può anche creare delle inserzioni pubblicitarie che aumentano dunque l’affluenza di utenti e di potenziali clienti che prendono visione della pagina. Facebook inoltre, per venire incontro alle varie esigenze ha realizzato anche una sezione di controllo sulle inserzioni e sui relativi budget chiamandola appunto “Business manager”.

Consigli e regole per un antennista su Facebook

Le netiquette(regole di comportamento) di Facebook sono molto severe. Il social network se da un lato offre massima libertà agli utenti, dall’altra tenta di reprimere quelli che sono i comportamenti sbagliati. Credere, infatti che gli utenti abbiano un atteggiamento passivo è totalmente sbagliato!
Ad esempio un antennista che vuole promuoversi su Facebook deve rispettare alcune regole di comportamento:

  • Non può fornire informazioni errate o che incitano al razzismo, all’omofobia ecc;
  • Non deve rispondere in modo ineducato a persone e utenti interessati al proprio business;
  • Deve mantenere un comportamento rispettoso della privacy cioè non può pubblicare foto di persone che non hanno dato il consenso a mostrare la propria foto o video;
  • Non può iscriversi con più nickname nei gruppi perché questo può ingannare gli utenti sulla propria identità.
    Vediamo ora come un antennista può partecipare ad un gruppo di discussione e quale preferire.

I gruppi su Facebook per un antennista

Le preferenze e i gusti delle persone che sono online su Facebook sono evidenti. Le loro attività vengono chiamate nel linguaggio sempre più familiare di internet UGC (user generated content): cioè tutti i contenuti creati dagli utenti. Facebook rende palese ciò mettendo ancora, a disposizione degli utenti, una ulteriore forma di espressione ovvero i gruppi. I gruppi sono tipicamente in tre modi e hanno scopi e obiettivi diversi a seconda delle scelte.
L’antennista può partecipare ad un gruppo:

  • Aperto: dove i contenuti sono alla portata di tutte le persone iscritte o che si iscriveranno in un secondo momento;
  • Chiuso: i contenuti sono visti dagli utenti solo se si è iscritti;
  • Segreto: le varie informazioni non sono visibili su Facebook se non si conosce il nome del gruppo e non si è invitati dall’amministratore.

Il gruppo chiuso, sembrerà banale dirlo, non dà molte speranze di successo, soprattutto per un antennista che vuole distinguersi dagli altri e farsi conoscere. Indipendentemente dalla tipologia di gruppo a cui un antennista decide di iscriversi deve mostrare le proprie competenze e partecipare costantemente alle discussioni solo così potrà farsi conoscere da quante più persone su Facebook.