Come iniziare a pubblicizzare la propria attività su Google Ads

adwords

Avete avviato da poco la vostra attività? Siete alla ricerca di un modo per farla conoscere ad un numero sempre maggiore di persone? Quello che fa per voi è Google Ads!

Conosciuto come Google Adwords fino a luglio 2018, Google Ads, è un servizio online di pubblicità. Tale servizio permette di inserire spazi pubblicitari all’interno delle pagine di ricerca di Google.
Questo tipo di servizio è in continua espansione, basti pensare che Google Ads è la principale fonte di remunerazione del gruppo Google e nel 2013 ha permesso di guadagnare più di 50 miliardi di dollari.

Esso viene utilizzato da chiunque abbia intenzione di creare una campagna di marketing online.
Ovviamente esistono anche delle limitazioni su ciò che è possibile pubblicizzare su Google Ads. Non è infatti, possibile pubblicizzare qualsiasi tipo di prodotto o servizio, sono esclusi annunci che riguardano alcool e tabacchi, armi o pornografia e tutto ciò che riguarda argomenti illegali.

Che cos’è Google Ads

Google Ads è uno strumento che permette di intercettare il target di riferimento e si paga solo quando si ottiene un risultato (il clic dell’utente sull’annuncio). Il sistema funziona in questo modo, nella pagina dei risultati di Google, detta anche SERP vengono visualizzati sia risultati “organici” (cioè non sponsorizzati) sia annunci pubblicitari, selezionati in base ad un algoritmo di Google.
In pratica, quando un utente effettua una ricerca, il sistema Google Ads trova tutti gli annunci le cui parole chiave corrispondono a tale ricerca. Tra questi annunci, il sistema ignora quelli che non sono idonei e tra quelli rimanenti vengono pubblicati solo quelli con un ranking dell’annuncio sufficientemente alto. Il ranking dell’annuncio è una combinazione tra offerta, qualità dell’annuncio e contesto della ricerca dell’utente.

In teoria con questo sistema si ha quasi la certezza di intercettare l’utente veramente interessato a ciò che stai pubblicizzando. Una caratteristica importante di questa tipologia di pubblicità quindi riguarda il fatto che non prevede il pagamento di canoni mensili o costi fissi: in pratica bisogna pagare soltanto quando gli annunci vengono cliccati dagli utenti. Tale modalità di pagamento è definita pay per click (PPC) e come appena detto l’inserzionista paga una tariffa solo quando un utente clicca effettivamente sull’annuncio pubblicitario.

Come funziona il nuovo Google Ads

Google Ads è il programma pubblicitario che permette di realizzare delle campagne a pagamento su internet. Gli annunci in queste campagne possono comparire in 2 differenti modi:

  • Sulla pagina dei risultati di Google, ovvero la SERP del motore di ricerca;
  • Su siti e servizi partner, come ad esempio YouTube, il client di posta elettronica Gmail e altri siti della rete di ricerca di Google.

Nel primo caso comparire sulla pagina dei risultati di Google vuol dire che quando un utente cerca su Google una parola o frase, ad esempio “hotel a Roma”, il motore di ricerca restituisce una pagina contenente una lista di risultati pertinenti all’interrogazione fatta dall’utente. Questi annunci compaiono proprio grazie alle inserzioni fatte su Google AdWords e sono visualizzati, fino a quattro, sopra i risultati di ricerca naturali, o sotto i risultati di ricerca e vengono selezionati da un algoritmo che, tra le diverse variabili, tiene conto delle parole chiave ricercate dall’utente e da un punteggio di qualità attribuito all’annuncio.

Il punteggio di qualità ha lo scopo di fornire una valutazione generale della qualità dei tuoi annunci. I fattori che determinano il punteggio di qualità sono tre:

  • Percentuale di clic prevista;
  • Pertinenza degli annunci;
  • Esperienza sulla pagina di destinazione.

Nel secondo caso invece si tratta di annunci di vari formati e dimensioni che vengono visualizzati sulle pagine di siti web partner di Google. Si tratta di siti della rete di ricerca che collaborano con Google per pubblicare annunci. I partner di ricerca estendono la copertura degli annunci della rete di ricerca a centinaia di siti web non Google, nonché a YouTube e ad altri siti Google.