Cos’ è un logo e come creare il proprio logo

loghi aziendali

Siete una startup e da poco avete deciso di intraprendere questa strada ma non sapete esattamente di cos’è un logo? Vi diciamo subito che il logo è la parte più importante della comunicazione con i vostri clienti per questo esso deve essere subito identificato dal consumatore e apparire semplice ma nello stesso deve essere creativo.

Affinché possa essere riconosciuto immediatamente da qualcuno, un logo deve essere realizzato da un graphic designer ma se non si hanno le risorse economiche si può anche ricorrere a strumenti online gratis. Ovviamente se si decide di crearli in maniera autonoma si può correre il rischio di venire accusati di aver copiato un logo quindi fate molta attenzione nello scegliere un logo già pronto.

Solitamente il logo rappresenta un prodotto/servizio, un’azienda o un’organizzazione ed è quella scritta, simbolo o contenente entrambi che identifica un brand. In questo articolo andremo ad analizzare nel dettaglio il suo significato e come può essere creato da soli.

Che cos’ è e quali caratteristiche ha un logo?

Il termine “logo” al greco λόγος – logos che significa “parola” e τύπος – typos che invece significa “lettera”. In pratica il logo è l’abbreviazione di logotipo ed è un segno che rende chiaramente riconoscibile un brand. Grazie alla versione grafica esso è in grado di dare un’identità e di rispecchiare l’attività dell’azienda.

Esso ha tre caratteristiche fondamentali che deve avere un logotipo aziendale:

  • Semplice: affinché un logo sia in grado di rimanere immediatamente impresso nella mente del consumatore deve avere un design molto semplice. Solo in questo modo sarà facilmente riconoscibile dalle persone;
  • Originale: un’altra caratteristica fondamentale che deve possedere un logo è la sua originalità. Quindi nel crearlo assicuratevi che non si confonda con un altro già esistente. Inoltre deve essere unico e offrire un qualcosa in più rispetto agli altri;
  • Adeguato: il logo deve essere adeguato al pubblico a cui si rivolge e comunicare lo stile del brand. Cioè deve rappresentare l’anima del vostro business;
  • Versatile: la grafica del logo deve essere versatile e adattarsi a qualsiasi supporto senza perdere la propria potenza. Quindi esso deve essere facilmente leggibile sia che sia utilizzato per i biglietti da visita sia se applicato su un cartellone pubblicitario oppure se inserito in un sito internet. Inoltre, un logo deve funzionare prima che a colori in bianco e nero.

Idee per creare loghi da soli

Se avete intenzione di creare un logo da soli un logo il nostro consiglio è quello di affidarsi ad agenzie di comunicazione esperte che sapranno guidarvi bene nella scelta definitiva, però qualora si voglia provare da soli a realizzare un logo ecco allora alcuni consigli utili.
In primis bisogna provare diverse idee e scegliere solo quella che veramente convincono. Una volta approvata la bozza non resta che trasportare in digitale il progetto di logo.

Per la progettazione di un logo è necessario ricorrere a programmi di grafica. In genere il software più utilizzato è Adobe Illustrator, che permette di lavorare in vettoriale ingrandendo e rimpicciolendo il tracciato senza perdere la qualità dell’immagine.

In digitale si possono inserire 2-3 colori e volendo si potrebbero utilizzare le sfumature per le versioni declinate al web. Per la scelta cromatica, se la propria azienda non segue uno schema preciso, si può tranquillamente sfruttare la cosiddetta psicologia del colore.

Il colore suscita nelle persone delle emozioni precise: il rosso ad esempio la forza e l’energia, il blu la sicurezza, l’arancione la fiducia, giocare su questo aspetto può risultare fondamentale per ottenere un ottimo risultato.

Anche la scelta del font può essere fondamentale, essi non devono appesantire la lettura, e se sembrano poco leggibili bisogna subito scartali e proseguire con la ricerca. Anche in questo caso scegliere la semplicità è la cosa migliore: i font più utilizzati sono i più semplici e chiari:

  • Helvetica;
  • Myriad Pro;
  • Frutiger.

Ultimo consiglio che ci sentiamo di darvi è che si potrebbe scegliere dei font differenti per lo slogan in modo da creare contrasto.